000 02160nam a22003377a 4500
003 IT-CtSSC
005 20180325180301.0
008 180325s2012 it b 001 0 ita
015 _2bni
_a2012-1173
016 7 _aIT\ICCU\CFI\0796737
_2ItRI
020 _a9788842098065
040 _aIT-CtSSC
_cIT-CtSSC
050 4 _aBT75.3
082 4 _a230
_221
100 1 _4aut
_aRuggieri, Giuseppe,
_d1940-
245 1 0 _aPrima lezione di teologia /
_cGiuseppe Ruggieri.
250 _a2. ed.
260 _aRoma ;
_aBari :
_bGLF editori Laterza,
_c2012.
300 _ax, 160 p. ;
_c18 cm.
336 _2rdacontent
_atext
_btxt
337 _2rdamedia
_aunmediated
_bn
338 _2rdacarrier
_avolume
_bnc
490 1 _aUniversale Laterza ;
_v923
490 1 _aPrime lezioni
520 _a"La teologia, come viene qui intesa, è semplicemente il 'discorso su Dio' che gli uomini non riescono a evitare, la cui presenza si riscontra quindi in tutte le culture umane. Tutti gli uomini sono 'teologi', parlano cioè di Dio sia affermandolo e pregandolo, ma anche negandolo o dubitando di lui. Ma questo discorso su Dio nella storia degli uomini tutti ha suscitato anche dei discorsi che hanno la caratteristica di essere funzionali, secondari. Nella storia dell'Occidente (ma non solo in essa) al discorso su Dio che si ritrova nel linguaggio comune si è infatti aggiunto un discorso sul discorso che ha avuto sempre una duplice motivazione: la prima, piuttosto critica e negativa, che rende attenti a non trasferire in Dio i sentimenti dell'uomo che spesso sono discutibili e pericolosi; la seconda (che è poi il risvolto della prima), piuttosto positiva, che tende a dare rigore al discorso a partire da ciò che è specifico di Dio in qualunque modo lo si concepisca. E anche questo discorso sul discorso su Dio si chiama teologia": Giuseppe Ruggieri introduce alla disciplina che studia Dio, prendendo in esame l'esperienza religiosa cristiana nella sua dimensione dottrinale e di riflessione intellettuale.
650 0 _aTheology, Doctrinal.
830 0 _aUniversale Laterza ;
_v923
830 0 _aPrime lezioni
912 _aggna@BSSC
942 _2ddc
_cA814
999 _c5577
_d5578