Normal view MARC view ISBD view

Costituzione italiana : articolo 9 /

by Montanari, Tomaso [aut].
Material type: materialTypeLabelBookSeries: Sfere extra. Costituzione italiana: Publisher: Roma : Carocci, 2018Description: xv, 142 p. ; 18 cm.ISBN: 9788843088652.Subject(s): Constitutional law -- ItalySummary: Mai come oggi il nono dei dodici principi fondamentali che tratteggiano il volto della Repubblica ha goduto di fortuna e consenso popolare: oggi che esso è di fatto negato da leggi e politiche. Nel 1948 la Costituzione ha spaccato in due la storia della cultura e della ricerca scientifica italiane, assegnando a spiagge e montagne, a musei, università e chiese una missione nuova al servizio del nuovo sovrano: il popolo, cioè noi tutti. La storia dell’arte è in grande parte la storia del potere di re e papi, granduchi e tiranni, principi e banchieri. Ma il progetto della Costituzione ha cambiato questa storia, dando parole nuove a una tradizione secolare che suggeriva che proprio l’arte e il paesaggio fossero leve potenti per rimuovere gli ostacoli all’eguaglianza e permettere il «pieno sviluppo della persona umana» (art. 3).
Tags from this library:
No tags from this library for this title.
Location Call number Status Date due
Emeroteca 342.45 C8425.v09 (Browse shelf) Available
Browsing Biblioteca Allievi Shelves , Shelving location: Emeroteca Close shelf browser
342.45 C8425.v06 Costituzione italiana : 342.45 C8425.v07 Costituzione italiana : 342.45 C8425.v08 Costituzione italiana : 342.45 C8425.v09 Costituzione italiana : 342.45 C8425.v10 Costituzione italiana : 342.45 C8425.v11 Costituzione italiana : 342.45 C8425.v12 Costituzione italiana :

Mai come oggi il nono dei dodici principi fondamentali che tratteggiano il volto della Repubblica ha goduto di fortuna e consenso popolare: oggi che esso è di fatto negato da leggi e politiche. Nel 1948 la Costituzione ha spaccato in due la storia della cultura e della ricerca scientifica italiane, assegnando a spiagge e montagne, a musei, università e chiese una missione nuova al servizio del nuovo sovrano: il popolo, cioè noi tutti. La storia dell’arte è in grande parte la storia del potere di re e papi, granduchi e tiranni, principi e banchieri. Ma il progetto della Costituzione ha cambiato questa storia, dando parole nuove a una tradizione secolare che suggeriva che proprio l’arte e il paesaggio fossero leve potenti per rimuovere gli ostacoli all’eguaglianza e permettere il «pieno sviluppo della persona umana» (art. 3).