Normal view MARC view ISBD view

Il calcolatore universale : [da Leibniz a Turing] /

by Davis, Martin [aut]; Rigamonti, Gianni [trl].
Material type: materialTypeLabelBookSeries: Biblioteca scientifica: 35Publisher: Milano : Adelphi, 2003Description: 321 p. : ill. ; 22 cm.ISBN: 8845917924.Uniform titles: The Universal Computer : the road from Leibniz to Turing. Italian.Subject(s): Electronic digital computers -- History | Mathematicians -- Biography
Translation of:
The Universal Computer : the road from Leibniz to Turing
Summary: Nel ricostruire la genesi dell'idea di "calcolo o computazione" l'autore, un pioniere della moderna informatica, prende le mosse da Leibniz e compone una galleria di personaggi chiave che comprende Boole, Frege, Cantor, Hilbert, Gödel e culmina in Turing. È interessante osservare, su un piano più tecnico, come Davis, pur pagando un doveroso tributo a Kurt Gödel, ponga, in maniera stimolante, la macchina universale di Turing alla base dei fenomeni di indecidibilità. Dopo la scoperta di Turing, il "sogno di Leibniz", l'invenzione di un calcolo simbolico, una sorta di algebra del pensiero, si materializza non più in calcolatori in carne e ossa, ma in valvole e fili e poi in rame e silicio. Summary: The author looks at mathematical pioneers and the development of computers, focusing on the contributions of such innovators as G.W. Leibniz, George Boole, Gottlob Frege, Georg Cantor, David Hilbert, Kurt Gödel, and Alan Turing.
Tags from this library:
No tags from this library for this title.
Location Call number Status Date due
004.09 D2632 (Browse shelf) Available

Includes bibliographical references (p. [299]-306) and index.

Nel ricostruire la genesi dell'idea di "calcolo o computazione" l'autore, un pioniere della moderna informatica, prende le mosse da Leibniz e compone una galleria di personaggi chiave che comprende Boole, Frege, Cantor, Hilbert, Gödel e culmina in Turing. È interessante osservare, su un piano più tecnico, come Davis, pur pagando un doveroso tributo a Kurt Gödel, ponga, in maniera stimolante, la macchina universale di Turing alla base dei fenomeni di indecidibilità. Dopo la scoperta di Turing, il "sogno di Leibniz", l'invenzione di un calcolo simbolico, una sorta di algebra del pensiero, si materializza non più in calcolatori in carne e ossa, ma in valvole e fili e poi in rame e silicio.

The author looks at mathematical pioneers and the development of computers, focusing on the contributions of such innovators as G.W. Leibniz, George Boole, Gottlob Frege, Georg Cantor, David Hilbert, Kurt Gödel, and Alan Turing.