Normal view MARC view ISBD view

La bellezza dell'invisibile : creatività e immaginazione nella fisica /

by Vignale, Giovanni [aut]; Numi, Arianna [trl]; Cavallo, Paolo [trl].
Material type: materialTypeLabelBookSeries: Saggi Zanichelli: Publisher: Bologna : Zanichelli, 2013Description: xiv, 290 p. : ill. ; 21 cm.ISBN: 9788808176462.Uniform titles: The beautiful invisible : creativity, imagination, and theoretical physics. Italian.Subject(s): Physics -- Philosophy
Translation of:
The beautiful invisible : creativity, imagination, and theoretical physics
Summary: Atomi, elettroni, campi, stringhe, buchi neri - concetti un tempo al limite della fantascienza - sono diventati parte del linguaggio quotidiano, che li nomina alla stregua di oggetti che abbiamo intorno. Ma esistono davvero questi oggetti? O sono semplicemente i nomi che assegniamo ad astrazioni matematiche? Questo libro, scritto da un fisico praticante, propone una nuova risposta a una classica domanda. Le grandi teorie della fisica - sostiene l'autore - sono opere d'arte risultanti dal lavoro collettivo di molti artisti. Come il pittore cerca di mettere sulla tela non la riproduzione fotografica di una faccia o un paesaggio ma solo ciò che è necessario per evocare quelle immagini, così il fisico teorico trae ispirazione da esperimenti e idee della cultura in cui vive per creare una versione dei fatti che sia soddisfacente e convincente non solo sotto il profilo scientifico, ma anche sotto quello estetico e psicologico. Questa versione dei fatti può ben essere un'illusione - visibile, come un arcobaleno, solo da una certa distanza e sotto un certo angolo - ma è proprio questa illusione che infine ci mette in contatto con la realtà.
Tags from this library:
No tags from this library for this title.
Location Call number Status Date due
530.01 V679 (Browse shelf) Available

Atomi, elettroni, campi, stringhe, buchi neri - concetti un tempo al limite della fantascienza - sono diventati parte del linguaggio quotidiano, che li nomina alla stregua di oggetti che abbiamo intorno. Ma esistono davvero questi oggetti? O sono semplicemente i nomi che assegniamo ad astrazioni matematiche? Questo libro, scritto da un fisico praticante, propone una nuova risposta a una classica domanda. Le grandi teorie della fisica - sostiene l'autore - sono opere d'arte risultanti dal lavoro collettivo di molti artisti. Come il pittore cerca di mettere sulla tela non la riproduzione fotografica di una faccia o un paesaggio ma solo ciò che è necessario per evocare quelle immagini, così il fisico teorico trae ispirazione da esperimenti e idee della cultura in cui vive per creare una versione dei fatti che sia soddisfacente e convincente non solo sotto il profilo scientifico, ma anche sotto quello estetico e psicologico. Questa versione dei fatti può ben essere un'illusione - visibile, come un arcobaleno, solo da una certa distanza e sotto un certo angolo - ma è proprio questa illusione che infine ci mette in contatto con la realtà.