Normal view MARC view ISBD view

I solchi del destino /

by Roca, Paco [aut]; Gnetti, Francesca [trl].
Material type: materialTypeLabelBookSeries: Prospero's Books: 53Publisher: Latina : Tunué, 2013Description: 326 p. : fumetti ; 24 cm.ISBN: 9788897165767.Uniform titles: Los surcos del azar. Italian.Subject(s): Leclerc, Philippe, 1902-1947 -- Biography | World War (1939-1945) -- Graphic novels | Military campaigns -- Graphic novels | France -- Armée -- Division blindée, 2 -- Graphic novels | France -- Paris -- Graphic novels | Africa -- Graphic novels | Regimental histories | Graphic novels | Historical fiction
Translation of:
Los surcos del azar
Summary: Porto di Alicante 28 marzo 1939, più di 15.000 persone attendono l'arrivo della nave del loro esilio, Valencia e Cartagena sono cadute. Tutto è perduto. Da qui inizia un viaggio da cui si dipanano due registri narrativi differenti: il tempo passato carico di dramma e disperazione, scandito da tavole dalle tonalità cupe del blu e il tempo presente ambientato in un sud della Francia gremito di personaggi identificabili con l'artista stesso in cui le linee questa volta si assottigliano e tornano al grado zero del bianco e nero. Paco Roca ricostruisce un pezzo di storia spagnola attingendo ai ricordi di uno dei protagonisti e lo trasforma in un'epopea dal sapore universale in cui i linguaggi dell'inchiesta e del racconto si mescolano e si rincorrono continuamente. Il libro è il risultato di anni di indagine di Roca sulla guerra civile spagnola la cui scintilla si è accesa a Parigi, presso la sede del Cervantes. Qui l'autore scoprì il lavoro della giornalista Evelyn Mesquida da cui è tratto il libro "Las nueve", gli spagnoli che liberarono Parigi.
Tags from this library:
No tags from this library for this title.
Location Call number Status Date due
741.5946 R669 (Browse shelf) Available

Testo a fumetti.

Porto di Alicante 28 marzo 1939, più di 15.000 persone attendono l'arrivo della nave del loro esilio, Valencia e Cartagena sono cadute. Tutto è perduto. Da qui inizia un viaggio da cui si dipanano due registri narrativi differenti: il tempo passato carico di dramma e disperazione, scandito da tavole dalle tonalità cupe del blu e il tempo presente ambientato in un sud della Francia gremito di personaggi identificabili con l'artista stesso in cui le linee questa volta si assottigliano e tornano al grado zero del bianco e nero. Paco Roca ricostruisce un pezzo di storia spagnola attingendo ai ricordi di uno dei protagonisti e lo trasforma in un'epopea dal sapore universale in cui i linguaggi dell'inchiesta e del racconto si mescolano e si rincorrono continuamente. Il libro è il risultato di anni di indagine di Roca sulla guerra civile spagnola la cui scintilla si è accesa a Parigi, presso la sede del Cervantes. Qui l'autore scoprì il lavoro della giornalista Evelyn Mesquida da cui è tratto il libro "Las nueve", gli spagnoli che liberarono Parigi.