Normal view MARC view ISBD view

Le forme dell'altrove nell'opera di Elsa Morante /

by Battiato, Rosaria [aut]; Paino, Maria Caterina [ths]; Rosa, Giovanna [opn].
Material type: materialTypeLabelBookPublisher: Catania : Scuola Superiore di Catania, 2015Description: 160 p. ; 25 cm.Subject(s): Morante, Elsa, approximately 1912-1985 -- Criticism and interpretation | Italian literature -- History and criticism
Contents:
Introduzione -- 1. Le forme dell'altrove nell'opera di Elsa Morante -- 1.1 Le implicazioni dell'altrove -- 1.2 Pagine che profumano d'Oriente -- 1.3 L'altrove nascosto nelle similitudini -- 2. L'Estero in Menzogna e sortilegio. Un'ipotesi attanziale -- 2.1 L'Estero come Oggetto di valore euforico -- 2.2 Edoardo, il nuovo “Estero” -- 2.3 La morte di Edoardo e la felicità inventata -- 3. L'altrove di un fanciullo: l'isola di Procida e le terre ignote -- 3.1 «La mia infanzia è come un paese felice» -- 3.2 Il mito del padre e il fascino delle terre ignote -- 3.3 La scoperta della femminilità: dalla «tenda orientale» alla «schiavetta indiana» -- 4. L'altrove celato. Un decennio di sperimentazioni formali -- 4.1 L'altrove in Alibi, tra Paradisi, Sultani e finzioni -- 4.2 Dal «mondo incomprensibile» allo «spettacolo dei sogni»: l'altrove in Lo scialle Andaluso -- 4.3 Paradisi artificiali e genesiaci ne Il mondo salvato dai ragazzini -- 5. La Storia invade l'altrove -- 5.1 Africa, America e Russia -- 5.2 Ida, la donna dei sogni -- 5.3 Useppe, nuova incarnazione dell'altrove -- 6. «Anda niño anda». Il viaggio di Manuel verso l'altrove -- 6.1 Manuel, il «pedone del limbo» -- 6.2 L'altrove come eros negato -- 6.3 Verso El Almendral: un viaggio nel tempo -- Bibliografia -- Conclusioni.
Dissertation note: Tesi di diploma di 2° livello per la Classe delle Lettere e delle Scienze Sociali Diploma di 2° livello Scuola Superiore di Catania, Catania, Italy 2015 A.A. 2014/2015 Abstract: L'obiettivo di questa tesi è quello di indagare il ruolo dell'altrove nell'opera di Elsa Morante. Fin dalle produzioni giovanili infatti, questo motivo ha da sempre accompagnato le differenti compagini narrative, riuscendo a penetrare anche le sperimentazioni liriche e novellistiche della scrittrice. Di conseguenza, la nostra ricerca vuole approfondire le funzioni dell'altrove nel disegno complessivo dell'opera, per capire se si tratta di una ricorsività fine a se stessa, o piuttosto di un motivo portante, tale da essere principio generativo delle vicende analizzate. Per far questo, dopo aver individuato le caratteristiche generali dell'altrove morantiano, grazie anche al confronto con le teorie geocritiche di Westphal, si procede con l'analisi puntuale dei diversi lavori della scrittrice. Ogni capitolo è dedicato a un'opera differente e, con lo scopo di riuscire ad individuare un percorso che possa giustificare l'evoluzione del motivo preso in esame, si è preferito procedere rispettando l'ordine cronologico, con riferimento agli anni di pubblicazione dei vari lavori. Per questo, dopo aver approfondito il ruolo dell'altrove in Menzogna e sortilegio, e L'isola di Arturo, si passa ad analizzare Alibi, Lo scialle andaluso e Il mondo salvato dai ragazzini. Concludono la trattazione lo studio di La Storia e Aracoeli. I risultati ottenuti sembrano giustificare la scelta della presente ricerca. In effetti l'altrove, non solo costituisce un asse significativo che collega tra loro le opere della Morante, ma, con la sua portata simbolica, riesce a incidere sui vari orditi narrativi, attraverso esiti per nulla scontati.
List(s) this item appears in: Tesi di Laurea, Diploma, Dottorato, Master | Collezione Barbara Minutoli
Tags from this library:
No tags from this library for this title.
Location Call number Copy number Status Date due
Sala B : Armadio Tesi THS_2015 853.914 B3361 (Browse shelf) 1 Available
Sala B : Armadio Tesi THS_2015 853.914 B3361 (Browse shelf) 2 Available

Tesi di diploma di 2° livello per la Classe delle Lettere e delle Scienze Sociali Diploma di 2° livello Scuola Superiore di Catania, Catania, Italy 2015 A.A. 2014/2015

Includes bibliographical references (p. 157-160).

Introduzione -- 1. Le forme dell'altrove nell'opera di Elsa Morante -- 1.1 Le implicazioni dell'altrove -- 1.2 Pagine che profumano d'Oriente -- 1.3 L'altrove nascosto nelle similitudini -- 2. L'Estero in Menzogna e sortilegio. Un'ipotesi attanziale -- 2.1 L'Estero come Oggetto di valore euforico -- 2.2 Edoardo, il nuovo “Estero” -- 2.3 La morte di Edoardo e la felicità inventata -- 3. L'altrove di un fanciullo: l'isola di Procida e le terre ignote -- 3.1 «La mia infanzia è come un paese felice» -- 3.2 Il mito del padre e il fascino delle terre ignote -- 3.3 La scoperta della femminilità: dalla «tenda orientale» alla «schiavetta indiana» -- 4. L'altrove celato. Un decennio di sperimentazioni formali -- 4.1 L'altrove in Alibi, tra Paradisi, Sultani e finzioni -- 4.2 Dal «mondo incomprensibile» allo «spettacolo dei sogni»: l'altrove in Lo scialle Andaluso -- 4.3 Paradisi artificiali e genesiaci ne Il mondo salvato dai ragazzini -- 5. La Storia invade l'altrove -- 5.1 Africa, America e Russia -- 5.2 Ida, la donna dei sogni -- 5.3 Useppe, nuova incarnazione dell'altrove -- 6. «Anda niño anda». Il viaggio di Manuel verso l'altrove -- 6.1 Manuel, il «pedone del limbo» -- 6.2 L'altrove come eros negato -- 6.3 Verso El Almendral: un viaggio nel tempo -- Bibliografia -- Conclusioni.

Tesi discussa il 13/4/2015.

L'obiettivo di questa tesi è quello di indagare il ruolo dell'altrove nell'opera di Elsa Morante. Fin dalle produzioni giovanili infatti, questo motivo ha da sempre accompagnato le differenti compagini narrative, riuscendo a penetrare anche le sperimentazioni liriche e novellistiche della scrittrice. Di conseguenza, la nostra ricerca vuole approfondire le funzioni dell'altrove nel disegno complessivo dell'opera, per capire se si tratta di una ricorsività fine a se stessa, o piuttosto di un motivo portante, tale da essere principio generativo delle vicende analizzate. Per far questo, dopo aver individuato le caratteristiche generali dell'altrove morantiano, grazie anche al confronto con le teorie geocritiche di Westphal, si procede con l'analisi puntuale dei diversi lavori della scrittrice. Ogni capitolo è dedicato a un'opera differente e, con lo scopo di riuscire ad individuare un percorso che possa giustificare l'evoluzione del motivo preso in esame, si è preferito procedere rispettando l'ordine cronologico, con riferimento agli anni di pubblicazione dei vari lavori. Per questo, dopo aver approfondito il ruolo dell'altrove in Menzogna e sortilegio, e L'isola di Arturo, si passa ad analizzare Alibi, Lo scialle andaluso e Il mondo salvato dai ragazzini. Concludono la trattazione lo studio di La Storia e Aracoeli. I risultati ottenuti sembrano giustificare la scelta della presente ricerca. In effetti l'altrove, non solo costituisce un asse significativo che collega tra loro le opere della Morante, ma, con la sua portata simbolica, riesce
a incidere sui vari orditi narrativi, attraverso esiti per nulla scontati.

Click on an image to view it in the image viewer